Aprile 2020 – Indexwine

L’etichetta non è solo informazione, è anche comunicazione e marketing: Catia Cantelli, CEO di Rotocel, offre una panoramica di come il settore vitivinicolo, core business dell’azienda, si organizzerà per affrontare la ripresa dopo questo periodo di fermo produttivo.

In questo periodo di fermo produttivo, ma di grandi speranze per la ripresa e per un futuro di grandi aspettative, abbiamo voluto intervistare Catia Cantelli, CEO di Rotocel, azienda che opera nel settore delle etichette adesive ed etichette personalizzate, soprattutto per il settore vitivinicolo, per capire come le aziende stanno vivendo questo periodo di “fermo produttivo” e come si stanno organizzando per una ripresa che avverrà a piccoli passi. Speranza, tenacia e fiducia nel futuro, sono le parole chiave che l’azienda ha voluto sottolineare per continuare con la produzione.

Lavorate molto con il settore vinicolo, che impressioni avete a riguardo? È un comparto che continua a lavorare seppur a rilento?

Il settore vinicolo, così come altre categorie merceologiche, si distingue nei suoi canali di distribuzione: le aziende che rivolgono il loro business verso l’Horeca sono sicuramente più in difficoltà a mantenere inalterati i propri “numeri” rispetto a chi, invece, serve anche la grande distribuzione. Altre aziende hanno buona parte della loro produzione destinata all’export, il quale ha mantenuto una discreta richiesta nei loro confronti. Ad ogni modo lo spirito resiliente dei nostri clienti li ha aiutati nel riorganizzare il loro business compatibilmente con il periodo che stiamo attraversando, chi con consegne a domicilio, chi vendendo online.

Leggi tutto l’articolo